Tripadvisor indagata per false recensioni | WebRadio Station

Tripadvisor indagata per false recensioni

Tripadvisor indagata per false recensioni

tripadvisor-esclamazioneWebRadio Station – Antitrust avvia istruttoria sul metodo seguito per le recensioni e su alcune metodologie per valutare ristoranti, alberghi e altre strutture turistiche. Oltre a ciò si chiedono  delucidazioni sul rapporto tra recensioni e pubblicità a pagamento. La questione non è nuova,  altre volte sui giornali e sui siti internet sono scoppiate polemiche molto vivaci su questi temi, e  molte volte TripAdvisor è riuscita in qualche modo a rispondere.

In alcuni casi i chiarimenti sono stati poco esaustivi,  come quando Il Fatto Alimentare ha documentato per la prima volta con un filmato, un sedicente inviato di TripAdvisor che chiedeva denaro e pranzi gratis in cambio di recensioni positive. Adesso la questione verrà affrontata per la prima volta in modo serio dall’Antitrust che, su sollecitazione dell’Unione Nazionale Consumatori, ha avviato un’istruttoria da concludere entro 210 giorni.

Secondo l’Autorità la selezione delle persone che  propongono recensioni è priva di controllo, visto che ognuno può scrivere ciò che vuole essendo garantito l’anonimato. Il documento dell’istruttoria  lo dice chiaramente  ”Per completare la procedura di pubblicazione della recensione è sufficiente effettuare una semplice registrazione online inserendo un nick name (non è necessario dichiarare nome e cognome), città e indirizzo e-mail. In tal modo, il professionista attraverso delle semplici “autocertificazioni” di utenti sostanzialmente anonimi sembra consentire che una struttura turistica sia censita e recensita nella propria piattaforma senza effettuare alcun controllo preventivo (in fase di registrazione) e senza adottare adeguati strumenti correttivi a posteriori “.


Pochi sanno che  la recensione è eliminabile 
direttamente solo dal soggetto che l’ha inserita. Al contrario, gli esercenti delle strutture turistiche riscontrano notevoli ostacoli quando chiedono di rimuovere testimonianze ritenute non genuine. Più volte i gestori si sono lamentati per le finte recensioni magari  portate avanti da concorrenti,  ma le segnalazioni stentano ad essere prese in considerazione da TripAdvisor. Per questo motivo l’Autorità chiede il “numero di reclami ricevuti annualmente a partire dal 2012 aventi come oggetto asserite false recensioni “.

Condividi
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • RSS

Lascia un Commento

Si deve essere il log in per inviare un commento.