Pharrell Williams, il Re Mida del pop fa scatenare Assago | WebRadio Station

Pharrell Williams, il Re Mida del pop fa scatenare Assago

Pharrell Williams, il Re Mida del pop fa scatenare Assago

Pharrell Williams in concertWebRadio Station – È fra i boati del pubblico e un corpo di cinque ballerine e due cantanti che si è aperto stasera il live di Pharrell Williams al Forum di Assago, uno degli appuntamenti più attesi per la musica dal vivo in Italia nel 2014. Davvero atteso, non solo per il ritardo di quindici minuti dovuto al viaggio da Verona, dove il cantante ha partecipato a Intimissimi On Ice, e non solo perché la data costituisce il primo concerto da solista dell’americano. Atteso anche perché quella che è andata in scena è stata l’ unica data italiana del tour con cui Pharrell presenta il suo disco solista ‘G I R L’, ma anche la prima volta da solista in Italia per quello che negli ultimi quindici anni si è rivelato il vero Re Mida del pop mondiale, con un exploit recente nel 2013 fra Daft Punk, Robin Thicke, premi e nomination di prestigio.

Ad aspettare il suo idolo un pubblico composito, che simboleggia la doppia anima di Pharrell, hip hop e chic: ragazzi vestiti ‘da ghetto’; alcune famiglie con bambini arrivati per ascoltare dal vivo ‘Happy’, già colonna sonora di un blockbuster dell’animazione come ‘Cattivissimo Me 2′; molti stranieri, giunti a Milano per la Fashion Week, di cui il concerto potrebbe essere considerato un gran finale pop. Pharrell incarna tutte queste personalità: uomo di moda, con la sua maison Billionaire Boys Club e una collaborazione da stylist per Adidas siglata proprio nei giorni scorsi (“suonare a Milano mi onora ed emoziona”, ha detto non a caso dal palco il cantante); produttore di successo dalla fine degli anni ’90 per Jay Z, Madonna, Britney Spears, Miley Cyrus e molti altri; personaggio TV, con la sua prossima partecipazione da coach a The Voice USA (sarà forse anche per questo che la vincitrice di The Voice Suor Cristina Scuccia era fra i vip presenti al concerto, con La Pina, Fedez e Gue’ Pequeno in rappresentanza del rap nostrano).

   La scaletta del concerto ha rappresentato Pharrell nella sua interezza, da eminenza grigia del pop a icona del rapporto inscindibile fra musica e lifestyle. Così si è partiti dall’ultimo singolo ‘Come Get It Bae’ per lasciare spazio subito dopo al debutto solista del 2003 ‘Frontin”. Passato e presente si sono alternati non solo negli outfit del cantante, che si è presentato sul palco tanto minimale quanto colorato, ora con la sua vecchia bandana a stelle e strisce, ora con il suo iconico ‘cappellone’; così c’è stato spazio per le canzoni del suo gruppo N.E.R.D. come ‘She Wants To Move’, e per i brani da lui prodotti negli anni, come ‘Beautiful’ di Snoop Dogg. Il famoso falsetto di Pharrell non ha mai tradito le aspettative e tutto il live è stato un grande messaggio d’amore per le donne (e non sono mancati dal palco i complimenti alle ragazze italiane), ma anche un invito a scatenarsi nelle danze. Invito al quale i diecimila di Assago non hanno mai mancato di rispondere, specie su brani come ‘Hollaback Girl’ o ‘Drop It Like It’s Hot’. Ma è sul finale che il Forum si è trasformato nel più grande e caldo club di Milano, quando è arrivato il momento di ‘Blurred Lines’ di Robin Thicke, ‘Get Lucky’ dei Daft Punk e la sua ‘Happy’, eseguita come bis dopo un’ora di performance tirata senza fiato. Ed è con i tre brani che nel 2013 hanno conquistato milioni di persone che Pharrell ha conquistato anche Milano.

Condividi
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • RSS

Lascia un Commento

Si deve essere il log in per inviare un commento.