Roma schifut mundi, altri corrotti arrestati | WebRadio Station

Roma schifut mundi, altri corrotti arrestati

Roma schifut mundi, altri corrotti arrestati

MPS: BALDASSARRI PORTATO IN CARCERE A SAN VITTOREWebRadio Station – La corruzione e il malaffare a Roma non erano solo appannaggio di Carminati & Co. Sono 22 le persone arrestate ieri dal Comando Unità speciali della Guardia di Finanza di Roma, funzionari di municipi e Asl, perché intascavano mazzette da imprenditori per istruire pratiche edilizie, chiudere un occhio su controlli sulla sicurezza nei cantieri o dare il via libera all’allacciamento con la fogna in un cantiere. “Pozzi senza fine”, li definiscono in una intercettazione due imprenditori che elargivano bustarelle e mazzette fino a 8.500 euro. A finire in manette, su richiesta del gip della Capitale, funzionari dell’ufficio tecnico dei municipi XIII e XIV (nella zona nord-ovest di Roma) e della Asl Rm E. La  corruzione era talmente diffusa e “preventiva” che gli imprenditori dovevano ‘necessariamente’ rivolgersi a loro per andare avanti con i lavori.

Gli imprenditori foraggiavano anche il responsabile dell’ufficio tecnico della rete fognaria che suggeriva all’impresa di turno la ditta giusta cui rivolgersi e dalla quale prendeva poi la tangente. A finire nell’indagine anche un ispettore dello Spresal (Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro) della Asl che in cambio di soldi evitava di riscontrare irregolarità nei cantieri o il mancato rispetto delle normative sulla sicurezza. In totale il gip del tribunale di Roma, Anna Maria Gavoni, ha chiesto provvedimenti restrittivi per 28 persone di cui 6 in carcere, 16 ai domiciliari e 6 con obbligo di presentazione alla polizia.

“Le indagini hanno svelato una realta’ illecita diffusa – ha detto il procuratore aggiunto Francesco Caporale – che potrebbe estendersi anche ad altri Municipi della capitale”. Dalle intercettazioni allegate all’ordinanza di custodia emerge l’alto tasso di illegalità che gli uomini della guardia di Finanza hanno portato alla luce. In un colloquio due imprenditori edili che raccontano di un’ispezione da parte di un funzionario della Asl Roma E che viene definito “corrotto” e per il quale uno dei due imprenditori ha dovuto sborsare 8 mila e 500 euro per rinnovare le pratiche della sicurezza.

“Qui mi è venuto un ispettore, un altro venduto corrotto di merda dell’Asl – racconta al telefono uno dei due imprenditori -. Sai che ho fatto? Ho preparato la mia busta, mi è costato 8 mila e 500 euro per rifare il rinnovo di tutte quante le pratiche”. In un’altra intercettazione un rappresentante di una cooperativa chiama un funzionario del XIV municipio per ottenere un “fine lavori” per un fabbricato. Nel corso della discussione l’imprenditore afferma di essere “stanco” del comportamento dei “colleghi e superiori del funzionario interlocutore” sostenendo che per gli allacci per la fogna ha dovuto sborsare “1.500 euro cadauno…120 mila euro si so presi de sordi…capito!”. E il funzionario corrotto chiosa: “che schifo! Mi fai venire la pelle d’oca”.

Condividi
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • RSS

Lascia un Commento

Si deve essere il log in per inviare un commento.