Mimicker Alarm, la sveglia ideata da Microsoft che si spegne con un selfie | WebRadio Station

Mimicker Alarm, la sveglia ideata da Microsoft che si spegne con un selfie

Mimicker Alarm, la sveglia ideata da Microsoft che si spegne con un selfie

svegliaWebRadio Station – Uno dei suoni più fastidiosi che una persona possa ascoltare di prima mattina quando si è ancora nel dormiveglia è la sveglia. Che possa arrivare da una sveglia tradizionale o da un più moderno dispositivo mobile, in molti odiano quel suono e alcuni la mattina la spengono per cercare di dormire qualche minuto in più con il risultato di arrivare tardi al lavoro o ad un appuntamento importante.

Per ovviare all’inconveniente che alcune persone la mattina spengono la sveglia e si rimettono a dormire sono intervenuti i ricercatori di uno dei colossi dell’alta tecnologia, gli ingegneri della Microsoft che hanno inventato un congegno che funziona come sveglia e che per essere spento ha bisogno che la persona sia lucida.

Per spegnere la sveglia ideata da Microsoft bisogna risolvere un rompicapo che a molti risulta essere molto complicato. La nuova sveglia ideata dalla Microsoft è molto complessa e prima di smettere di suonare la persona che l’ha attivata deve rispondere a tre difficilissime domande.

Se la persona che ha messo in funzione la sveglia non riesce a risolvere i tre enigmi la sveglia suona all’infinito fin quando non si esaurisce la batteria. La sveglia della Microsoft è stata chiamata dagli ingegneri che l’hanno ideata Mimicker Alarm.

Gli ingegneri della Microsoft hanno svelato quali siano i tre enigmi, il primo è farsi un selfie appena svegli, il secondo e di scattare sempre una foto ad un oggetto che abbia un colore specifico e l’ultimo enigma è quello di leggere una frase che però varia di giorno in giorno.

La nuova sveglia della Microsoft in pratica rende difficile a chi l’ha messa in funzione di rimettersi a dormire perché se non si è abbastanza lucidi da risolvere i tre enigmi suona all’infinito.

Mimicker Alarm può essere già scaricata dal Play Store e al momento non ha alcun tipo di costo.

Condividi
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • RSS

Lascia un Commento

Si deve essere il log in per inviare un commento.